Anodizzazione

Home - Servizi - Anodizzazione

Cos'è l'anodizzazione?

L’anodizzazione è un trattamento superficiale dei metalli che consiste nel creare elettroliticamente uno strato di ossido. L’anodizzazione è utilizzata per l’alluminio e le sue leghe, ma in alcuni casi può essere utilizzata anche per alcuni tipi di leghe di acciaio, titanio e magnesio. L’anodizzazione è un processo in più fasi volto a trasformare gli strati superficiali e sotterranei di alluminio in una struttura colonnare di ossido di alluminio. Quindi la struttura porosa può essere sigillata con sostanze chimiche appropriate che le conferiranno nuove proprietà. Lo scopo dell’anodizzazione è proteggere le superfici metalliche, come tacchetti o basi di tavoli, dalla corrosione. Inoltre, l’anodizzazione crea uno strato isolante sul foglio di alluminio, che viene successivamente utilizzato nella produzione di condensatori. Vale anche la pena aggiungere che l’anodizzazione può essere utilizzata per scopi decorativi.

Anodizzazione dell’alluminio

L’anodizzazione dell’alluminio è un processo in cui il primo passo è pulire e sgrassare lo strato di metallo. Quindi si può procedere alla fase di anodizzazione vera e propria. In questo caso, la funzione dell’elettrolita è svolta da una soluzione di acido solforico. Durante l’anodizzazione, corrente continua con una tensione di max. 20 V. Lo strato di ossido formato è praticamente impercettibile e la sua struttura è porosa e irregolare, il che facilita la colorazione della superficie conveniente.

Anodizzazione dell’alluminio – vantaggi

L’anodizzazione, come altri processi di lavorazione, viene utilizzata per migliorare sia l’aspetto che i parametri del materiale. Uno dei maggiori vantaggi dell’anodizzazione è la sua maggiore resistenza alla corrosione. Di conseguenza, il materiale ha una durata e una resistenza molto migliori. Inoltre, i vantaggi dell’anodizzazione dell’alluminio includono:

miglioramento dei valori sanitari – riduzione dell’adesione degli inquinanti,
levigare la superficie dell’alluminio – l’anodizzazione conferisce un aspetto estetico,
miglioramento della durata della superficie metallica – resistenza ai graffi e ai danni meccanici,
ottenere uno strato anodico non conduttivo,
arricchire il materiale con caratteristiche che gli permettono di venire a contatto con gli alimenti.

Anodizzazione dell’alluminio – applicazione

Il metallo più spesso sottoposto al processo di anodizzazione è l’alluminio. Grazie alle sue proprietà, è diffuso in molti settori diversi. È un materiale molto versatile che si distingue per durata, leggerezza e plasticità. L’anodizzazione dell’alluminio rende applicabili, tra gli altri, i prodotti sottoposti a questo processo nei settori alimentare, medico, automobilistico, elettronico, navale, aeronautico e del mobile. Vale anche la pena aggiungere che gli elementi anodizzati non richiedono alcuna manutenzione particolare. La loro superficie è caratterizzata da una durevole lucentezza e levigatezza.

Anodizzazione: in cosa differisce dalla pittura?

Innanzitutto, l’anodizzazione garantisce una durata e una resistenza all’abrasione molto migliori rispetto alla verniciatura a polvere. Inoltre, sia il costo una tantum del rivestimento che del rinnovo dello strato è inferiore per l’anodizzazione. È anche molto importante che l’anodizzazione non sia in alcun modo tossica o dannosa per l’ambiente e la verniciatura a polvere può avere un impatto negativo sia sulla salute che sull’ambiente. L’anodizzazione garantisce anche una stabilità del colore molto migliore e una stabilità chimica e fornisce resistenza ai graffi e all’umidità. Garantisce inoltre l’integrità del rivestimento. Inoltre, l’anodizzazione nel caso dell’alluminio fornisce una resistenza alla temperatura fino a circa 660 ° C. Mostra anche una grande resistenza alla radiazione solare. Vale anche la pena aggiungere che lo spessore del rivestimento nel caso dell’anodizzazione è di circa 0,02 mm, cioè 20 u, e per la verniciatura a polvere è compreso tra 60 e 120 u.

Anodizzazione dell’acciaio

L’anodizzazione dell’acciaio è un processo che consiste in più fasi. Inizia con un’incisione in due fasi, quindi si trasforma in vera e propria anodizzazione e termina con la sigillatura. Consiste nel rivestire l’acciaio con un rivestimento protettivo, il cui compito è rinforzare il materiale e ridurre gli effetti della corrosione. A tale scopo vengono utilizzati strati superficiali di metallo anodizzato a base di ossidi di zinco, alluminio o altri composti barriera. Di conseguenza, il materiale, oltre alla sua eccellente resistenza alla corrosione, acquisisce anche resistenza all’abrasione, ai graffi e ai danni meccanici. Inoltre, diventa molto più duro, ottiene anche proprietà antifrizione, resistenza alla perforazione e resistenza alla temperatura (anche fino a 2000 ° C con brevi esposizioni). Vale anche la pena ricordare che l’acciaio anodizzato acquisisce anche eccellenti proprietà di isolamento termico. Durante l’anodizzazione, l’acciaio cambia leggermente il suo aspetto e, a seconda della preparazione iniziale, può diventare più lucido o opaco di conseguenza.

Scopri i restanti servizi
Ai nostri clienti inoltre offriamo la preparazione di visualizzazioni, disegni di anteprima, documentazione esecutiva o l'esecuzione dell'elemento stesso in base allo schizzo, al modello fornito o al modello 3D del particolare.
Servizi CAD